Come è possibile ottenere una visura online

Come è possibile ottenere una visura online?

Cosa è la visura camerale e come è possibile ottenerla online su predeion.it

La visura camerale altro non è che un documento stilato e sempre in aggiornamento messo a disposizione dalle Camere del Commercio, dell’Artigianato ed Agricoltura e dell’Industria. In linea di massima, la visura camerale racchiude tutte le informazioni e i dati relativi a specifiche imprese presenti sul territorio nazionale, sia collettive che individuali, iscritte regolarmente nel Registro delle Imprese.

In particolare, le informazioni inserite nel documento di visura camerale ordinaria si riferiscono alla data di inizio dell’imprese, alla posizione della sua sede legale, allo stato aggiornato dell’attività (ad esempio se è attiva, in liquidazione o cessata) e tutti i dati relativi al capitale sociale. Inoltre, sono presenti dettagli riguardanti il personale dell’impresa, vale a dire i dati anagrafici dell’imprenditore e dei soci, e le diverse cariche sociali facenti parte della gerarchia che la caratterizza. In più, sono specificate, se presenti, le certificazioni di qualità, oltre che la partita Iva, il codice REA (Repertorio delle notizie Economiche e Amministrative) e il numero totale di dipendenti riferito all’anno corrente.

Ottenere questo documento sul web non è mai stato così semplice, e occorrono solo pochi passaggi: è possibile ottenere una visura online su predeion.it

A cosa serve la visura camerale

Il documento di visura camerale è utile a diversi soggetti per raccogliere informazioni ed eseguire successive valutazioni su una specifica impresa. Ad esempio, gli investitori possono farne uso per comprendere la qualità del lavoro di un’impresa, così come i creditori possono usufruirne per identificare il soggetto contro il quale muoversi in modo da riacquistare il loro diritto o per esaminare la presenza di beni pignorabili.

Come richiedere una visura camerale online

Richiedere una visura camerale online relativa ad una specifica impresa è un procedimento facile e immediato. Si tratta, infatti, di una procedura assai intuitiva per cui è necessario avere a disposizione poche ma essenziali informazioni riguardanti l’impresa di cui si vuole ottenere il documento. Basta recarsi sulla pagina di ricerca ed inserire negli appositi spazi da compilare il Codice Fiscale dell’impresa o, in alternativa, il codice REA con relativa provincia di appartenenza. Nel caso in cui non si abbiano a disposizione questi dati, è possibile ricorrere alla ricerca digitando il Nome dell’impresa, ovvero la Ragione Sociale.

C’è da tenere in considerazione, prima di iniziare la ricerca, che non tutte le imprese sono soggette ad iscrizione presso la Camera del Commercio, e di conseguenza il documento di visura camerale relativo a ciascuna di queste, potrebbe non essere reperibile. Fra i soggetti esenti ricordiamo ad esempio i liberi professionisti, le aziende agricole, gli studi associati, i medici, gli enti no-profit, le associazioni, le fondazioni e le cooperative.

Nel momento in cui la ricerca sia andata a buon fine, il servizio provvederà ad inviare una email all’indirizzo che è necessario fornire nei campi da compilare, e dopodiché sarà possibile procedere con il download del documento di visura camerale cliccando semplicemente sul link allegato.

Chi può richiedere una visura camerale online

Le informazioni detenute dalle Camere di Commercio riferite alle diverse imprese italiane regolarmente registrate sono dei dati pubblici, e in quanto tali possono essere richieste da chiunque. Di conseguenza, anche la visura camerale rientra fra le documentazioni che è possibile ottenere senza alcun ostacolo in modo da poter raccogliere informazioni riguardo la specifica impresa di interesse. Questo vale per tutte le imprese iscritte al Registro e occupanti il territorio nazionale. Soggetti come il titolare dell’attività d’impresa o il legale rappresentante possono ricevere gratuitamente il documento di visura camerale relativo all’impresa in loro possesso. In questo caso, è necessario essere forniti di SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale) o della Carta Nazionale dei Servizi (CNS), vale a dire credenziali messe a disposizione in modo gratuito direttamente dalle Camere di Commercio. Attraverso questi strumenti, infatti è possibile certificare la propria identità in modo da paragonarla con la carica censita nel Registro Imprese.