Crisi di coppia, come gestirla

Crisi di coppia, cosa fare?

Le cause che portano ad una separazione sono spesso molto simili e sono anticipate da una crisi di coppia che non si è saputa gestire correttamente.

Le crisi di coppia sono generate quindi dalla mancanza di attenzioni reciproche, dallo stress provocato dai figli, dall’incapacità di poter comunicare senza nessuna forma di stress o di “ripicca” nei confronti dell’altro. Poi c’è la causa predominante, il tradimento, perché fino a quando non c’era la presenza di un’altra persona nella vita del partner la crisi, anche se c’era, era silenziosa, era entrata a far parte della routine quotidiana. Viceversa il tradimento, se scoperto, provoca un vero cataclisma nella coppia. In altre parole c’è quel lento spegnersi delle potenti emozioni positive che avevano creato la coppia.

È piuttosto normale che le coppie attraversino delle crisi, tutto dipende da come vengono gestite e soprattutto dal non dover necessariamente arrivare ad un passo dalla separazione per correre ai ripari.

Per approfondire il tema: Adriano Rossi Sociologo Crisi di coppia

Come gestire la crisi di coppia

Sono diversi gli elementi che concorrono a creare un clima di crisi nella relazione, quello che però, è importante sottolineare, hanno tutti un effetto comune, cioè la coppia smette di comunicare in maniera amorevole. Ci si rivolge solo pesanti accuse, si torna a recriminare cose del passato, si smette di essere intimi, si resta insieme soprattutto per paura delle conseguenze di un’eventuale separazione.

Una crisi non deve portare alla separazione ma per riuscirci è importante comunicare in modo aperto e onesto. Per riuscirci bisogna rispettare tre regole:

  1. Rispettare il punto di vista del partner senza critiche:
  2. Abbassare il livello di tensione anche quando si vorrebbe replicare;
  3. Ricordare l’uno all’altro tutto ciò che si è costruito insieme

Lasciate stare ciò che è stato e che è ancora fonte di stress e discussione, l’impegno deve essere rivolto a costruire una nuova relazione perché l’aspetto positivo di una crisi è proprio la possibilità di cambiare, sia singolarmente, sia come coppia.

L’aspetto sicuramente più complesso nella gestione del conflitto è relativo alla fase di attesa, quel periodo in cui la coppia deve lavorare su sé stessa apportando novità che aiutino ad uscire dalla zona di comfort. Si può ricadere facilmente nelle vecchie dinamiche consolidate nel tempo, solo uno sforzo comune può aiutare a superare questa fase.

Crisi di coppia e tradimento

Le crisi generate dalla scoperta del tradimento sono indubbiamente le più complesse da risolvere. Il tradimento segna profondamente la coppia e generalmente la scoperta genera reazioni inaspettate. Ad esempio, quando è una donna ha scoprire il tradimento del marito, non agisce subito con fermezza e determinazione, mandandolo via di casa, ad esempio.

Viceversa la paura del cambiamento, di ciò che può attenderla senza l’uomo con il quale vive da anni ed ha costruito una famiglia, prende il sopravvento.

Qui i ruoli si capovolgono, spesso è l’uomo che una volta scoperto decide di uscire di casa e la donna fa di tutto per tenerselo.

Se stai vivendo una situazione del genere non fare questo errore. È comprensibile vivere una fase di sbandamento emotivo nel quale la paura prenda il sopravvento ma se vuoi ricostruire il rapporto devi da subito mettere il partner di fronte alle conseguenze delle proprie azioni.

In altre parole, alla comprensività deve essere contrapposta la decisione. Perché le donne che sono decise riescono con maggiore facilità a tenersi il proprio uomo anche se c’è stato un tradimento?

Per comprendere questa fase dobbiamo metterci nei panni di chi tradisce. L’uomo che tradisce lo fa sulla base di un lento disinnamoramento, non prova più una forte attrazione per la partner ma soprattutto vive con l’amante solo attimi di spensieratezza. Tutto è idealizzato in un rapporto clandestino, non ci sono le problematiche di una coppia impegnata da anni con mille preoccupazioni. C’è solo da condividere del tempo piacevole.

Una volta che il proprio uomo viene messo di fronte alla nuova realtà, cioè uscire di casa con tutte le conseguenze legali, amministrative e di gestione dei figli, ecco che è come se si svegliasse dal sogno e dall’idealizzazione dell’altra.

Molti uomini, messi di fronte a questa nuova realtà, fanno di tutto per recuperare il rapporto con la propria moglie. Quindi, anche se c’è stato un tradimento, la gestione corretta della crisi può salvare la coppia.