Quando è importante contattare un urologo?

Quando è importante contattare un urologo?

Chi è l’urologo

L’urologo è un medico specializzato nel campo dell’urologia la quale è una particolare branchia della medicina che si occupa di tutte le problematiche e i disturbi relativi al sistema urinario e all’apparato genitale maschile. Gli urologi presentano una specializzazione nella diagnosi e nella cura dei disturbi che possono colpire il sistema urinario ed in particolare organi tra i quali i reni, la vescica o l’uretra. Generalmente il primo contatto con l’urologo avviene per mezzo del medico di base il quale se necessario consiglia al paziente di mettersi in contatto con tale specialista.

Il medico di base è infatti in grado in considerazione dei sintomi del paziente di valutare il quadro generale ed eventualmente in considerazione di quest’ultimo prescrivere una visita urologica. Vi è tuttavia una soluzione alternativa che permette al paziente di ottenere un appuntamento in tempi particolarmente rapidi che consiste nel procedere in modo diretto a contattare uno specialista del settore in modo autonomo e privato. In questo caso è pertanto necessario conoscere i sintomi che possono aiutare ad individuare un disturbo del sistema urinario o dell’apparato genitale maschile. I sintomi rappresentano un elemento fondamentale in quanto permettono di comprendere se e quando è necessario una visita urologico.

Tra i sintomi che possono indicare la presenza di un disturbo al sistema urinario si possono citare la presenza di sangue nelle urine, questo particolare sintomo viene definito in campo medico con l’espressione di ematuria. Tra gli ulteriori sintomi che possono aiutare a rilevare una problematica relativa al sistema urinario si possono citare il bisogno impellente e ripetuto nel corso del tempo di urinare, la difficoltà ad urinare o comunque il fievole flusso di urina, un senso di dolore fastidio e bruciore nel mentre che si urina, urina maleodorante. Con riferimento ad una figura maschile si consiglia di rivolgersi ad un urologo nel caso in cui si verifichino uno o più dei suddetti sintomi tra i quali si possono citare il calo della libido e del desiderio sessuale, problematiche legate all’erezione e al suo mantenimento, nodulo in uno o in entrambi i testicoli.

Quando è importante contattare un urologo?

Molte persone ritengono erroneamente che la visita urologica sia esclusivamente riservata ai soli uomini, in realtà questa logica di pensiero è assolutamente errata in quanto anche le donne a prescindere dall’età potrebbero aver bisogno di mettersi in contatto con l’urologo. Le donne infatti possono essere colpite da patologie urologiche in qualunque fase della loro vita, a tal proposito numerose patologie tendono a svilupparsi in seguito alla menopausa.

Tra le problematiche che possono interessare e colpire un soggetto di sesso femminile si possono citare la vescica iperattiva, l’incontinenza o le infezioni urinarie. La vescica iperattiva in sostanza rappresenta l’esigenza e il bisogno frequente ed urgente di urinare. Tra i sintomi che possono aiutare ad individuare tale disturbo vi è in particolare il bisogno incontrollato e frequente di urinare non solo nelle ore diurne ma anche in quelle notturne. La vescica iperattiva può essere determinata da molteplici cause tra le quali si può citare ad esempio il diabete o il bere troppa caffeina. Con riferimento a tale patologia è necessario procedere a contattare un urologo specializzato il quale svolgerà tutti i test diagnostici necessari al fine di individuarne la causa e delineare dunque il miglior programma di trattamento e cura.

L’incontinenza urinaria determina l’assoluta impossibilità a controllare la propria vescica e quest’ultima a sua volta può determinare la fuoriuscita accidentale, improvvisa e non voluta di urina. Il disturbo in questione è particolarmente diffuso sia negli uomini che nelle donne che si trovano nella fascia di età compresa fra i 40 e i 60 anni. La suddetta incontinenza può essere determinata da diverse cause tra le quali vi sono l’obesità o la menopausa. Per quanto concerne le infezioni dell’apparato urinario queste ultime si verificano quando dei germi entrano e attaccano il tratto urinario. In genere se trattata in modo rapido queste infezioni non determinano delle gravi conseguenze, nel caso in cui invece queste ultime non vengano trattate in modo tempestivo e dunque si diffondono ai reni queste ultime possono determinare delle gravi complicazioni. Generalmente queste infezioni colpiscono principalmente le donne rispetto agli uomini, numerosi studi hanno ritenuto a tal proposito che questa costante è determinata dalle differenze anatomiche. Fra i sintomi che possono aiutare ad individuare tale disturbo si possono citare la sensazione di dolore e bruciore della minzione, la difficoltà ad urinare ed infine il sangue nelle urine. Se si ricerca un urologo a Prato, è possibile visitare la seguente pagina: https://andreadelgrasso.it/.